Moto Perpetuo

Alzheimer

Alzheimer

Malattia di Alzheimer

L’Alzheimer è una malattia degenerativa e progressiva del sistema nervoso con compromissione di tutto il cervello. Si manifesta con perdita della memoria, della capacità di giudizio, del ragionamento e con turbe dell’umore e del comportamento. Di per se stessa non è espressione di un invecchiamento normale ed è la più frequente causa di demenza.
Nella malattia di Alzheimer a seconda dell’area cerebrale coinvolta ci sarà la perdita della funzione che veniva governata da quella determinata zona.
E’ da tenere presente che nella demenza il cervello raramente riuscirà a riapprendere una specifica funzione una volta persa. Questo per il coinvolgimento costante e fin dalle prime fasi della malattia dei processi di apprendimento e memorizzazione. Al tempo stesso il paziente Alzheimer manterrà a lungo conservate altre funzioni e riuscirà ad esprimere sentimenti quali la gioia, il dolore, la tristezza, la paura, la rabbia. Per questo motivo spesso si realizza una situazione di incomprensione della loro condizione, addirittura si pensa che il malato abbia adottato un comportamento manipolativo, che voglia attirare l’attenzione su di se, peggio ancora che stia fingendo.
L’incidenza è dell’1% nelle persone ultrasessantacinquenni. La prevalenza è tra il 3 e il 7% della popolazione anziana. Tipica dell’età avanzata si calcola che se raggruppiamo per fasce di eta di cinque anni la prevalenza raddoppia ogni cinque anni. Dall’1% per cento tra i 65 e 69 anni si arriva al 45% tra gli 85 e gli 89. Entro il 2050 ci sarà un aumento del 300% dei casi di Alzheimer.
Le cause sono ancora sconosciute. Nel 90-95% dei casi è sporadica. In una percentuale variabile tra il 5 e il 10 % la malattia può essere ereditata. Oltre all’Alzheimer le altre cause di demenza sono: la demenza a corpi di Lewy, la demenza fronto temporale, la malattia di Creutzfeldt-Jakob, la demenza vascolare ed altre ancora, più rare. In qualche caso, purtroppo poco frequente, la demenza può essere secondaria a problemi che se vengono individuati a tempo possono portare alla guarigione.
La rilevanza della malattia deriva dalla compromissione delle funzioni del paziente. Lavoro, relazioni sociali, attività del vivere quotidiano vengono progressivamente colpite e comportano l’inevitabile perdita dell’autonomia personale con necessità di assistenza e sorveglianza continua.

ANALIZZIAMO NELLO SPECIFICO: